La regina delle fiabe

Brume bianche, adamantine
Figlia l'argentina luna
E le mena sulle acque,
Le protende sulle piane;

Radunati i fiori a veglia,
Sfilan fine ragnatele,
E appendon alla veste
Della notte grosse gemme.

Presso il lago, sul qual nubi
Hanno ordito un'ombra fine,
Rotta dal gettarse d'onde
Come da palle di lume,

Discotando il canneto
La fanciulla si inchina:
Getta intent rose rosse
Sopra l'onda incantata.

Per veder un viso, guarda
Come corre l'acqua in cerchie:
Chè da tempo è stregata
Dal voler di Santa Miercuri;

Chè il viso vi affiori,
Getta solo rose fresche,
Chè stregate son le rose
Dal voler di Santa Vineri.

Lei si specchea... Biondeggianti
I capelli, il volto, splendon
Nella luna, gli occhi azzurri
Tutti le fiabe comprendon.

 

(Geo Vasile) 
*
Transcribed by Dani Busuioc
School No. 10, Focsani, Romania
*
Home | Italian.